Archivio degli autori Emiliana Alessandrucci

Emiliana AlessandrucciDiEmiliana Alessandrucci

Il jobs act del lavoro autonomo è legge

Più diritti e tutele, ma molto di più si poteva fare per la competitività. Meglio il testo preparato dal Governo che quello che è stato licenziato dalle Camere.

Maggiori informazioni

Emiliana AlessandrucciDiEmiliana Alessandrucci

Basta Ordini: l’Italia ha bisogno di tornare a competere

Il Coordinamento Libere Associazioni Professionali è stata audito, attraverso la Presidente Alessandrucci, in Commissione Affari Sociali della Camera, presieduta dall’On. Mario Marazziti sul riordino delle professioni sanitarie (DDL Lorenzin); per la prima volta anche le professioni ai sensi della legge 4/2013 hanno potuto portare il loro contributo.

Maggiori informazioni

Emiliana AlessandrucciDiEmiliana Alessandrucci

La posizione dell’Ordine degli psicologi è un attacco alla libertà professionale

La sentenza del TAR sul ricorso proposto dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi versus il Counseling è un attacco alla libertà di professione. Ieri le associazioni che rappresentano le professioni relative alla relazione di aiuto iscritte al CoLAP si sono incontrate per riflettere sulla sentenza e per condividere una strategia di difesa della libertà professionale.

Maggiori informazioni

Emiliana AlessandrucciDiEmiliana Alessandrucci

Perché le idee sono come le stelle che non le spengono i temporali

Ci accingiamo a chiudere i lavori di una mattinata intensa e proficua che ha arricchito sicuramente le nostre riflessioni, ma ho la presunzione di credere che abbia arricchito anche i nostri interlocutori; lo abbiamo detto molte volte abbiamo il coraggio e la competenza per saper proporre.

Maggiori informazioni

Emiliana AlessandrucciDiEmiliana Alessandrucci

Direttiva 2013/55/CE: l’Italia si esercita alla trasparenza

Con la direttiva 2013/55/CE, approvata lo scorso gennaio, sono entrate ufficialmente in vigore le norme europee sul riconoscimento delle qualifiche professionali, modificando così la precedente direttiva 2005/36/CE. Le nuove norme puntano in particolare a rendere più efficace il sistema di riconoscimento delle qualifiche professionali, in modo da favorire una maggiore mobilità dei professionisti all’interno dell’Unione Europea.

Maggiori informazioni