Conferenza di consenso per il counseling in Italia

FedercounselingDiFedercounseling

Conferenza di consenso per il counseling in Italia

L’aumento della complessità delle interazioni con il contesto sociale, l’incertezza, l’instabilità e la sfiducia verso il futuro connotano l’esistenza personale e collettiva anche nella società italiana.

Di fronte a tali criticità in ambito familiare, educativo e lavorativo è plausibile che le persone esprimano, più o meno esplicitamente, un’esigenza di sostegno e di aiuto sia per contrastare il disagio nelle sue variegate manifestazioni sia per rafforzare la loro resilienza, per incrementare le loro capacità progettuali e decisionali e, in generale, per riuscire ad auto-determinare un’esistenza almeno soddisfacente.

Come rispondere con efficacia a questi bisogni e domande?

La “Consensus Conference per il Counseling” intende farsi carico di tale questione di rilevanza sociale e professionale che si qui ha ricevuto in Italia risposte spesso confuse e insoddisfacenti. Si tratta di un’iniziativa promossa del Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi (CNOP), della Società Italiana di Psicologia del lavoro e dell’organizzazione (SIPLO), del Network UniCo, della Conferenza Psicologia Accademica (CPA), dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP), del Coordinamento Nazionale Scuole di Psicoterapia (CNSP), della Società Italiana Psicologi Area Professionale (SIPAP) e del Movimento Psicologi Indipendenti (MOPI) tesa a realizzare uno spazio di chiarificazione e condivisione tra professionisti e stakeholder circa la natura e la qualità delle attività di counseling svolte in favore dei cittadini/utenti.

Il counseling oggi può intendersi come una funzione d’aiuto ai processi di autoregolazione e crescita personale tipica di una società molto sfidante, mobile e competitiva e assai diversificata a seconda delle esigenze, dei contesti d’uso e delle metodologie. I professionisti che si fanno carico di tale funzione consulenziale (in primis, gli psicologi per le loro prerogative di professione di cura e prevenzione nonché di promozione della salute, del benessere e dello sviluppo professionale e organizzativo) dovrebbero avvalersi di una solida base formativa nel campo delle scienze psicologiche e sociali e di specifiche metodologie relazionali onde rispondere adeguatamente alle esigenze di aiuto, sostegno e compartecipazione emotiva, ma anche di informazione significativa, orientamento, inclusione sociale e progettuali espresse dagli utenti.

Pertanto, appare evidente la necessità di operare chiarimenti per prevenire incertezze tra i potenziali utenti e rischi di conflitti interprofessionali adoperandosi per giungere in modo socialmente condiviso ai seguenti risultati:

a) la definizione del counseling (date le specificità del contesto socioculturale e normativo italiano) e delle sue funzioni;

b) l’identificazione del profilo delle prestazioni caratteristiche e dei loro livelli di qualità da garantire;

c) il coinvolgimento delle professioni che, in modo prioritario o in modo integrativo, sono di fatto coinvolte nelle attività di counseling,

d) la declinazione dei percorsi formativi indispensabili per promuovere e/o consolidare il profilo di competenze necessarie per esercitare questa funzione consulenziale nei diversi ambiti di operatività professionale.

Autore: Ufficio Stampa
Fonte: Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP)
Data: 09/02/2018
Link: http://www.psy.it/conferenza-di-consenso-per-il-counseling-in-italia.html

 

Allegati alla pagina

The following two tabs change content below.
Federcounseling
Federcounseling. Federazione Nazionale delle Associazioni di Counseling. Account di servizio

Info sull'autore

Federcounseling

Federcounseling administrator

Federcounseling. Federazione Nazionale delle Associazioni di Counseling. Account di servizio